Autodesk Vault 2014 Data Standard Extension

Come sfruttare i vantaggi del programma Subscription Autodesk per aumentare l’efficienza della gestione dati.

Ancora una volta Autodesk mantiene la promessa di introdurre nuove specifiche funzionalità per i clienti possessori di Subscription. E’ il turno del rilascio di Autodesk Vault Data Standard 2014 per Autodesk Vault Workgroup e Autodesk Vault Professional.

Autodesk Vault Data Standard 2014 introduce nuove funzionalità per il controllo dei dati di progettazione sia all’interno del Client di Vault , sia all’interno di Inventor e Autocad.

Queste funzionalità consentono di inserire le informazioni relative ai file su cui si sta lavorando secondo degli standard aziendali. Tali standard sono completamente personalizzabili e definibili in funzione delle proprie esigenze.

Il principio di funzionamento è molto semplice ed è trasversale a tutte la applicazioni interessate: una volta installato (dopo aver effettuato il download dal Subscription center Autodesk e lanciato il wizard di installazione) , quando si crea un nuovo documento o se ne modifica uno esistente viene visualizzata la finestra di immissione dati di Autodesk Vault Data Standard.

1

 

Qui possono essere inserite e gestite tutte le informazioni necessarie.

All’interno di Inventor e Autocad è presente inoltre una nuova ribbon che consente la gestione ed il controllo dell’applicazione.

2

Questo tipo di interfaccia è personalizzabile al 100% e potrebbe contenere ad esempio informazioni su: materiali utilizzati, commesse di riferimento, controlli sulla posizione di salvataggio del file.

Le proprietà inserite nella finestra di dialogo possono essere rese obbligatorie, piuttosto che inserite attraverso delle liste di valori (ad esempio nell’immagine seguente i campi con * sono obbligatori).

3

Questo tipo di gestione potrebbe anche essere più complessa e potrebbe riguardare per esempio la tipologia di codifica dei file, attraverso l’utilizzo di vari campi (a testo libero, con numeri progressivi, con liste a  discesa) che nel totale vanno a comporre il nome del file.

Attraverso l’utilizzo di Autodesk Vault Data Standard i possessori di Subscription Autodesk Vault Workgroup e Autodesk Vault Professional possono essere sicuri di avere a disposizione tutte le informazioni necessarie, ad esempio per :

  1. La compilazione corretta dei cartigli;
  2. Facilitare le ricerche dei files attraverso campi ad hoc;
  3. Completare le distinte componenti con tutte le informazioni necessarie ai sistemi gestionali.
  4. Avere a disposizione tutte le informazioni necessarie per la gestione della commessa o del prodotto.

All’interno del Client di Vault saranno inoltre presenti altre funzionalità che consentono un ulteriore passo avanti nel miglioramento dei flussi di gestione dati.

4 5

 

 

 

 

 

 

 

Ad esempio creando sotto la cartella principale del Vault un ulteriore cartella denominata templates, viene abilitata la possibilità di creare tutti i documenti necessari per una commessa/prodotto direttamente all’interno del Vault secondo uno standard predefinito e secondo codifiche dei file predeterminate. Così facendo attraverso un tasto destro su una qualsiasi cartella verrà abilitata la possibilità di creare un nuovo Data Standard file che potrebbe già contenere tutte le informazioni necessarie per la sua gestione (ad esempio cartiglio corretto).

Questo potrebbe consentire ad esempio di creare la lista di documenti necessari al completamento della commessa, prima che questi vengano elaborati.

6

Tutto questo vale anche per la creazioni di strutture di cartelle standard. Infatti accanto alla funzionalità di creazione di file secondo templates è possibile creare anche cartelle “Standard”, secondo criteri definiti aziendalmente.

7

All’interno del client di Vault verranno anche installate nuove Tab per la visualizzazione della distinta componenti proveniente da Inventor , compresi i dati prelevati da applicazioni esterne:

8

E la Datasheet Preview che visualizza tutte le informazioni che , a livello aziendale, si è deciso di gestire:

9

Tutte queste funzionalità vengono aggiunte a quelle già presenti all’interno delle varie versioni di Vault, le cui caratteristiche possono essere visualizzate qui:

http://www.autodesk.it/products/autodesk-vault-family/compare

Di seguito è riportata anche la procedura per recuperare il pacchetto di installazione di Autodesk Vault Data Standard Extension all’interno del Subscription Center Autodesk:

1. Una volta inseriti Nome Utente e Password cliccare su “Access Your Subscription benefits”

10

2. Selezionare Data Control feature for Autodesk Vault Workgroup and Vault Professional

11

In conclusione, i possessori di Subscription per Autodesk Vault Workgroup e Autodesk Vault Professional possono ulteriormente migliorare il controllo sui dati di progettazione attraverso l’utilizzo delle nuove funzionalità introdotte da Autodesk Vault Data Standard Extension.

L’evoluzione delle Subscriptions

Il concetto di Subscriptions si è evoluto a partire dall’anno 2012 aggiungendo ai benefici usuali alcuni vantaggi completamente nuovi.

Da sempre il possesso di una Subscription attiva consente di lavorare con le più recenti versioni del software, così come di ottenere il massimo del supporto tecnico da esperti Autodesk e di poter lavorare con versioni precedenti del software in installazioni multiple.

A partire dal 2012 a questi benefici si aggiunge l’universo di Autodesk 360, vale a dire l’utilizzo esteso delle funzionalità Cloud messe a disposizione dal produttore americano.

Autodesk 360 è una piattaforma di servizi basata sulle strutture Infrastructure As A Service di Amazon che consente di migliorare l’esperienza di lavoro superando i limiti dell’hardware e dell’installazione del singolo prodotto Autodesk su una workstation. Infatti poter disporre di Autodesk 360 significa dotarsi di risorse di calcolo virtualmente infinite, per effettuare analisi e rendering sempre più complessi, poter utilizzare capacità di collaborazione difficili da realizzare attraverso installazioni software locali nonché sfruttare le applicazioni di mobility che consentono di passare da un device hardware all’altro con estrema semplicità, ad esempio utilizzando le ormai comuni risorse di un tablet o di uno smartphone.

Le risorse Cloud sono disponibili anche per chi non ha una Subscription attiva benché quest’ultima renda possibile accedere ad un utilizzo esteso in termini di storace (da 3Gb a 25Gb di spazio disponibile per archiviare disegni che si intenda condividere online) nonché a capacità di calcolo come il Rendering Optimization, l’analisi strutturale per Revit, l’analisi energetica, il Green Building Studio, Autodesk Buzzsaw e altre ancora.

L’immagine mostra la disponibilità di servizi aggiuntivi resi accessibili da un contratto di Subscription attiva a partire dal possesso di una Suite Autodesk. L’utilizzo delle capacità di calcolo e di rendering in modalità Cloud rende possibile realizzare grandi risparmi di tempo o utilizzare possibilità computazionali non sempre  disponibili attraverso i software installati sulle workstation.