Il decreto BIM è stato firmato!

Questa mattina, durante il convegno “Verso un’edilizia 4.0” della ACER tenutosi a Roma, il Provveditore per le Opere Pubbliche di Lombardia ed Emilia Romagna, Pietro Baratono, ha annunciato che il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha firmato il Decreto BIM, ossia il provvedimento che disciplinerà l’obbligo di bandire le gare d’appalto e di progettare le opere pubbliche con il Building Information Modeling.

firmato il decreto bim

QUALI SONO GLI OBBLIGHI BIM?

  • Primo obbligo dal 2019, ma solo per opere di grande rilievo, sopra la soglia di 100 milioni di €.
  • Scadenze progressive, con il sistema a pieno regime nel 2025
    Tra il 2019 e il 2025 gli obblighi si allargheranno anche ad altri soggetti a seconda delle complessità delle opere e non al loro valore.
  • I lavori semplici potranno essere sempre effettuati con i metodi tradizionali
    (es. palazzi residenziali senza particolari problematiche di sicurezza).

E voi? Avete già introdotto il BIM nelle vostre realtà?

 

fonte:

Annunci

AutoCAD CIVIL 3D 2018: what’s new

Ecco le 8 principali novità della nuova release della soluzione Autodesk dedicata alla progettazione delle infrastrutture e non solo.

Leggi il resto dell’articolo

Here comes the Flood: un’esperienza BIM italiana ad AU Las Vegas

One Team è orgogliosa di aver partecipato all’evento Autodesk University di Las Vegas e di aver condiviso con tutti i partecipanti l’esperienza italiana di un progetto in BIM.

Santi Sarica, Application engineer infrastructure & BIM di One Team, è stato relatore dell’intervento “Here Comes the Flood: How to Use BIM for Flood Restoration” progetto BIM di Ativa Engineering per la messa in sicurezza dell’autostrada A5, nel tratto Torino-Quincinetto, dal rischio di esondazione del Fiume Dora Baltea.

santi-sarica-application-engineer-infrastructure-bim-one-team

Di Ativa Engineering e del progetto di messa in sicurezza dell’autostrada A5, nel tratto Torino-Quincinetto, dal rischio di esondazione del Fiume Dora Baltea che Ativa ha eseguito con nostro supporto, avevamo già parlato qui.

Gimmi Perego di Datech, che ringraziamo, ha partecipato alla Instructional Demo che ha visto protagonista questa interessante case history ed ha pubblicato sul suo blog un articolo che riassume questa fantastica esperienza.

Qui un breve estratto:

Bene, devo dire che l’esperienza, presentata qui ad AU, con applauso finale, da Santi Sarica di One Team di Milano, è davvero interessante ed innovativa. I tecnici di Ativa, alla loro prima esperienza di adozione del BIM , hanno raggiunto un livello notevole in tempi rapidi.
Utilizzando Autodesk InfraWorks 360, AutoCAD Civil 3D, Revit ed Autodesk Navisworks in collaborazione tra di loro, hanno costruito i modelli necessari per l’ambientazione nel contesto e la progettazione definitiva ed esecutiva.

Puoi leggere l’articolo completo cliccando qui.

Buona lettura!

One Team partecipa alla Autodesk University di Las Vegas

autodesk_university_oneteam

Anche quest’anno a Las Vegas si terrà Autodesk University, un evento mondiale che rappresenta una delle più interessanti occasioni per approfondire le tecnologie di progettazione del mondo Autodesk per la pianificazione, la progettazione ed il multimedia. Migliaia di partecipanti pronti a seguire centinaia di presentazioni, hands on, training ed eventi.

E’ con grande piacere che vi segnaliamo che quest’anno una nutrita partecipazione italiana sarà presente attivamente all’evento.

One Team e Ativa Engineering saranno presenti con una “Instructional Demo” tenuta da Santi Sarica di One Team. Questa sessione sarà dedicata all’esperienza BIM per le infrastrutture di Ativa Engineering maturata nell’ambito del Progetto del Nodo Idraulico di Ivrea, per la messa in sicurezza di un tratto dell’Autostrada A5 Torino-Quincinetto dal rischio di esondazione del Fiume Dora Baltea.
Ci sarete?

Nuovo AutoTurn 10: simulazioni intelligenti

Da anni Transoft Solutions è leader nello sviluppo di software per la progettazione e simulazione viabilistica.

Oggi ci vogliamo concentrare sul programma di punta della casa canadese ovvero AutoTURN, software dedicato alla simulazione delle traiettorie dei veicoli e analisi di eventuali conflitti e approfondiremo le novità dell’ultima versione e la sua integrazione con il mondo BIM.
AutoTURN è infatti il primo software di questo tipo ad avere una versione dedicata per Autodesk Revit oltre alla versione tradizionale sviluppata per piattaforma CAD (e quindi anche per AutoCAD Civil 3D) arrivata ormai alla versione 10.
In quest’ultima versione è stata sviluppata una nuova funzionalità molto interessante che permette di generare automaticamente percorsi e simulazioni di veicoli: con questo nuovo strumento non è più necessario realizzare simulazioni selezionando punto dopo punto la traiettoria.
Selezionando l’area di analisi, le aree di esclusione, il punto di inizio e il punto di fine il software individua autonomamente il percorso e propone anche alternative ad esso. Selezionando poi il veicolo desiderato, dalla vastissima libreria totalmente personalizzabile, viene generato in automatico il percorso.
Tutti i percorsi e le manovre si possono gestire da un’apposita finestra.

Rimangono invariate le funzioni delle versioni precedenti come, ad esempio, l’analisi tridimensionale di eventuali conflitti con il terreno (AutoTURN riconosce le superfici di Civil 3D) e la generazione di animazioni.
Di seguito un video sulle nuove funzioni di AutoTURN 10 che a breve uscirà anche in Italiano!

AutoCAD Civil 3D per le Utilities

Già in precedenza ci siamo occupati di come progettare reti per lo smaltimento di acque meteoriche e reti in pressione in modalità BIM con AutoCAD Civil 3D.
Clicca qui per rileggere il post.

Con questo nuovo post vogliamo porre l’accento sulla versatilità dei moduli contenuti in Civil 3d per la progettazione e gestione di reti tecnologiche del sottosuolo e in particolar modo in ambito urbano.
Nel filmato, sono state ricreate le principali utility partendo da dati GIS come gli shape file.
Le reti realizzate sono:
• Acquedotto
• Smaltimento idrico
• Gas
• Elettrico
• Illuminazione pubblica

Le librerie per le reti in pressione presenti all’interno del software, seppur ideate per le condotte idriche, dispongono di una buona versatilità e personalizzazione; ciò permette ai progettisti di utilizzarle per la realizzazione di utility multisettoriali.
Ma quali sono i vantaggi nel progettare reti tecnologiche in modalità BIM con Civil 3D? Di sicuro la progettazione di reti di grande estensione, la dinamicità degli elementi, i report sulle quantità e sulle caratteristiche generali e di dettaglio. Da non sottovalutare la possibilità di rapido aggiornamento di tutti gli elaborati di progetto in caso di modifica. Inoltre conoscere le caratteristiche di posizione e installazione degli elementi lineari e puntuali, ci permette di ridurre in modo significativo l’impiego di tempo e risorse destinati alla loro gestione.

Successivamente la gestione di queste reti, all’interno di Autodesk Navisworks, permette l’analisi di possibili interferenze che potrebbero essere presenti all’interno di un complesso labirinto di reti tecnologiche e non individuabili con la progettazione tradizionale.

Creazione di rotatorie 3D in AutoCAD Civil 3D 2017

Una delle novità più interessanti di AutoCAD Civil 3D 2017 è senz’altro la nuova funzionalità per la creazione e la modifica di rotatorie 3D direttamente all’interno del software. Grazie all’introduzione di una parte del motore di Autodesk Vehicle Tracking e attraverso l’utilizzo automatico degli oggetti nativi di Civil 3D (Tracciati, Profili, Modellatori) siamo in grado di creare rotatorie 3D dinamiche e quindi progettare tutte le tipologie di intersezioni in modalità BIM.

Con questa nuova funzionalità si eredita inoltre parte della normativa Italiana sulla progettazione delle rotatorie arricchendo ulteriormente tutto il comparto di controllo e verifica nella progettazione di infrastrutture viarie.

Un’ulteriore interessante e importante caratteristica è la possibilità di acquisire direttamente in Civil 3D i progetti di rotatorie realizzati in InfraWorks 360, questo senza alcuna perdita di dati o caratteristiche geometriche in virtù del fatto che i due software adesso condividono la stessa tecnologia acquisita da Vehicle Tracking.

Standard per la progettazione di rotatorie

Standard per la progettazione di rotatorie

Finestra per la modifica dei parametri geometrici
Finestra per la modifica dei parametri geometrici

Di seguito un video con le principali funzionalità.